Lista dei progetti

Fare clic sull’immagine per andare direttamente alla descrizione

Elaborazione e attuazione

Samedan_2017: areoporto regionale

Ristrutturazione e nuova costruzione

St.Moritz_2021: Hotel La Margna

Ristrutturazione

Zuoz_2021: Chesa Planta

Ristrutturazione

S-Charl_2020: Crusch Alba e Alvetern

Riqualificazione e ristrutturazione

Samedan_2019: Chesa Graf

Conversione destinazione d'uso

Celerina_2020: Bel Taimpel

Descrizione

Elaborazione e attuazione

Areoporto regionale,
Samedan_2017

• Partner: Hosoya Schaefer Architects

L'aeroporto regionale più alto d'Europa (1707 m sul livello del mare) sarà modernizzato e ampliato come aeroporto doganale. In diverse fasi, gli edifici esistenti devono essere sostituiti e la vasta infrastruttura ampliata secondo le necessità.
 Deve essere sviluppata una soluzione di costruzione che possa essere implementata in fasi, che sia economica da costruire e gestire, e che sia abbastanza flessibile da soddisfare le esigenze future.

Ristrutturazione e nuova costruzione

Hotel La Margna,
St. Moritz_2021

• Partner: Divercity Architects

L'hotel La Margna fu costruito nel 1906-1907 in stile tradizionale engadinese secondo i piani dell'architetto Nicolaus Hartmann. Nel 1911, l'ala est fu ampliata di tre piani. L'ampliamento è stato progettato dall'architetto di St. Moritz Valentin Koch, Büro Koch und Seiler Architekten. Da allora, sono state eseguite varie alterazioni e ristrutturazioni non documentate. Tuttavia, l'aspetto esterno non è cambiato significativamente nel tempo. 
Per poter gestire l'Hotel La Margna in modo economico e al passo con i tempi, il proprietario sta progettando una ristrutturazione e un'espansione del complesso alberghiero. 
Lo sviluppo del progetto si basa sui disegni dell'architetto Nikolas Travasaros di Divercity Architects (www.divercityarchitects.com, Londra e Atene). L'Ufficio per la conservazione dei monumenti storici dei Grigioni è coinvolto nello sviluppo del progetto al fine di garantire una ristrutturazione compatibile dell'hotel esistente, tenendo conto della massima conservazione possibile del tessuto edilizio di valore storico. 
Per realizzare il progetto di costruzione, è stato necessario adattare la pianificazione spaziale del comune di St. Moritz. A questo scopo, l'area dell'Hotel La Margna è stata modificata da zona villaggio a zona hotel La Margna e la legge edilizia del comune St.Moritz è stata cambiata nell'articolo corrispondente. Il piano generale di sviluppo e il piano generale di progettazione dell'Hotel La Margna costituiscono la base per la realizzazione di questo progetto. A questo scopo, la STW AG für Raumplanung (www.stw.ch) è stata inclusa nel team del progetto.

Ristrutturazione

Chesa Planta
Zuoz_2021

• Partner: Urs padrun Architektur (capo progetto)

Nell'ambito di un concorso privato, Urs Padrun ha vinto con la sua idea di progetto che, oltre a considerare la realizzazione di due appartamenti, prevede anche il trasferimento dell'Archivio culturale dell'Alta Engadina nella parte inferiore della casa. Siamo molto contenti di poter realizzare il progetto con Urs nella pianificazione e nell'esecuzione. 
Urs Padrun descrive il progetto con le seguenti parole: „Situate al centro di Zuoz, sulla grande piazza del villaggio, le due case Planta, quella superiore e quella inferiore, formano un insieme impressionante. Entrambe le parti della casa si trovano sotto lo stesso crinale e sono cresciute per incorporare il tessuto edilizio più vecchio e una torre residenziale medievale, e sono state estese e ridisegnate intorno al 1760. Nonostante la rivendicazione manageriale, si può ancora leggere la tipologia rurale originale. 
Questa conversione barocca, così come le aggiunte strutturali del 1920, caratterizzano il suo aspetto attuale. La Chesa Planta inferiore risale a un vecchio tipo di casa engadinese che si trova ancora spesso a Zuoz. Ha un piano carrabile con un piano di vita e di riposo al di sopra. Gli spazi abitativi sono generosamente proporzionati e rappresentativi del proprietario. Anche le dimensioni del fienile dietro di esso sono impressionanti. Di fronte alla piazza, una piccola loggia è integrata nella casa come luogo di incontro pubblico, che è ancora usato oggi - per esempio al Chalandamarz. 
L'elemento centrale del futuro utilizzo sarà l'integrazione dell'archivio culturale dell'Alta Engadina. Qui, sulla Plaz di Zuoz, gli verrà data una posizione centrale nel mezzo del villaggio che è appropriata al suo compito. 
La nuova struttura può essere abilmente integrata nella struttura spaziale della Chesa von Planta, con le stanze di raccolta costruite nel fienile e le aree di evento e di lavoro che si affacciano sulla Plaz. 
Intrecciata con l'uso residenziale di rappresentanza riattivato ai piani superiori, la Chesa Planta svilupperà ancora una volta un'aura in linea con il suo significato culturale e storico. Sia come nuova sede dell'archivio culturale per l'intera regione o direttamente come importante contributo alla vita del villaggio.“

Ristrutturazione cucina complesso multifamiliare

Suot Staziun,
Samedan_2020

Dopo una diagnosi approssimativa del tessuto edilizio esistente, è stato determinato che gli edifici residenziali non richiedono alcun lavoro di manutenzione a breve o medio termine. Così, le disposizioni per la sostituzione delle cucine possono essere messe in pratica.
 Le cucine saranno sostituite in due fasi. La decisione sulla scelta della cucina è stata certamente la sfida più importante nella fase di progettazione. Dato che gli appartamenti sono occupati durante i lavori di ristrutturazione, bisogna prestare particolare attenzione al rispetto del programma.

Ristrutturazione

Crusch Alba e Alvetern,
S-Charl_2020

• www.cruschalba.ch

S-charl, nella Bassa Engadina, è uno dei villaggi più remoti della Svizzera. Abitato solo in estate, il villaggio si trova alla fine della Val S-charl vicino a Scuol, nei pressi del parco nazionale, ed è accessibile in inverno solo con le slitte trainate da cavalli. Qui troverete l'Hotel Crusch Alba, una locanda ricavata da un'antica fattoria engadinese, incastonata tra le aspre e maestose cime delle Alpi, proprio accanto al Parco Nazionale Svizzero. Completamente rinnovato all'interno, il pino Cembro porta un pezzo di natura nella casa e il suo profumo, che permea tutte le stanze, fornisce un senso di sicurezza e tranquillità. Tutte le camere della casa principale hanno un bagno moderno ed alcune presentano anche un piccolo balcone privato. 
Il complesso alberghiero è composto da altre due unità: Cha Sura e Chesa Alvetern. Cha Sura offre camere semplici e un'accogliente biblioteca con camino, che è a disposizione di tutti gli ospiti. Quando si entra alla Chesa Alvetern, si pensa quasi che il tempo si sia fermato nella vecchia casa engadinese con i suoi massicci muri di pietra, le profonde file di finestre e la poca luce del giorno. Anche qui, le camere sono semplici e alcune hanno un bagno in comune. 
Il progetto prevede una ristrutturazione interna quasi completa dei due edifici annessi Cha Sura e Chesa Alvetern, seguendo la linea estetica dell'edificio principale, evidenziando e sottolineando gli elementi in legno, alcuni dei quali sono maestosi. 
L'obiettivo non è solo quello di creare una continuità visiva e materiale tra i diversi edifici, ma soprattutto un'esperienza sensoriale e una fuga dal mondo moderno, in un luogo dove la natura la fa da padrona e le tecnologie vengono deliberatamente lasciate da parte.

Riqualificazione e ristrutturazione

Chesa Graf,
Samedan_2019

Nella parte vecchia del villaggio di Samedan, a pochi metri dalla piazza principale e dalle principali attrazioni, si trova una grande casa storica risalente al 1600. La casa bifamiliare con il suo timpano eccezionalmente grande a quattro piani domina lo stretto vicolo, e sebbene la facciata principale sia paragonabile a quelle delle case patrizie, ha un certo effetto visto da lontano. 
Gli interventi nel corso degli anni hanno alterato l'aspetto esterno e interno, ma ora l'edificio deve essere riportato al suo antico splendore. Le parti storiche di immenso valore saranno conservate e combinate con la tecnologia di oggi per garantire un comfort ottimale. 
Un totale di 7 appartamenti, un negozio al dettaglio e un parcheggio sotterraneo sono previsti per soddisfare diverse esigenze abitative.

Conversione destinazione d'uso

Bel Taimpel,
Celerina_2020

• Partner: Archivio culturale dell'alta Engadina

In stretta collaborazione con l'Archivio culturale dell'Alta Engadina, stiamo lavorando a un progetto di conversione della suggestiva chiesa barocca Bel Taimpel. L'idea alla base del nuovo utilizzo da parte dell'Archivio culturale dell'Alta Engadina è che sia una "vetrina" di questo Ente e della storia dell'Engadina, in particolare in relazione a Celerina. Si vuole stabilire un riferimento all'attualità e la chiesa barocca diventerà un luogo vivace di cultura.